10/10/06

Meraviglie volanti a Vigna di Valle sulle rive del lago di Bracciano( Rm)


Una gita veramente insolita ed appassionante ( a costo quasi zero), è quella che suggerisco a tutti coloro che non hanno mai visitato il Museo storico dell'Aeronautica, inaugurato nel 1977. Esso si estende su una superficie di oltre 12.000 mq , in località Vigna di Valle,  affacciata sul lago di Bracciano, a nord di Roma.

Il museo può essere facilmente raggiunto da Roma, percorrendo la Cassia per poi deviare sulla Braccianese all’altezza della Storta ; un’altra possibilità è quella di deviare sulla Braccianese –Claudia e poi uscire a Osteria nuova ; se venite da sud , suggeriamo di utilizzare la via Aurelia deviando all’altezza di Cerveteri e quindi giunti sulla Braccianese-Claudia, occorre tornare indietro fino a Vigna di Valle (in caso di dubbi usate google map).
Il museo in questione era in passato un idroscalo , e fu proprio da qui che si sollevò nel lontano 1908 , l'ormai mitico N I , primo dirigibile militare italiano e dove si sperimentarono in Italia i primi idrovolanti .
I motivi per visitare questo particolare museo sono tanti , ma vi dovrebbe già incuriosire il fatto che questo di Vigna di Valle è tra i musei aeronautici più grandi d’Europa .
La visita si svolge nei 4 grandi hangar-padiglioni, dove si possono ammirare i pezzi gloriosi della nostra Aeronautica (oltre 70 velivoli) , ripercorrendo al tempo stesso la storia del volo , dal 1905 ai giorni nostri , insieme ai suoi più arditi protagonisti , noti come Baracca e meno noti come Ruffo di Calabria Fulco da Napoli , la cui biografia corredata da foto, potrà essere letta nel sito: http://www.aspeterpan.com/book1/RuffodiCalabria.htm
Si torna indietro nella storia , mentre si ammirano gli storici cimeli , come quello del pallone aerostatico , che partito da Parigi il 16 dicembre del 1804 (giorno del matrimonio di Napoleone ) giunse dopo 22 ore di volo sul lago di Bracciano . Il Vaticano ha donato questo reperto al museo ,solo di recente .
Una particolare attenzione è stata data alla figura del gen.Umberto Nobile e alle intrepide spedizioni polari , di cui il museo conserva in un apposito centro di documentazione, una mole di materiale ricchissima , che spazia dai cimeli personali di Nobile , alle pubblicazioni d’epoca , per finire con una interessante raccolta fotografica . Molto belli i poster d’epoca sulle trasvolate tra Chicago , New York e Roma ; molte le curiosità nascoste nelle bacheche , come gli inviti ai balli in onore dei trasvolatori giunti in terra americana , ai quali venivano offerte ben 100 "beautiful society dance hostess" !! .

I più giovani , saranno sicuramente più interessati nel vedere il famoso Barone Rosso ed altri leggerissimi idrovolanti , ma una volta tanto e diversamente da altri musei, potranno fotografare tutti i velivoli presenti all’interno dei padiglioni ; è invece vietato fare foto o riprese , all’esterno del museo , quindi se vi interessa il lago di Bracciano, meglio spostarsi verso il paese, per visitare il castello Odescalchi http://www.odescalchi.it considerato come una delle più belle dimore feudali d'Italia .

Se invece preferite rimanere all'aperto e vi interessano di più i soggetti volanti come gufi reali , falchi , avvoltoi ed aquile , potrete assistere nelle vicinanze del lago, alle evoluzioni di questi rapaci , ammirandoli da molto , molto vicino , presso il Centro Rapaci , sito a Trevignano , sul lato nord del lago , dove sia la mattina che il pomeriggio si tengono i corsi di “ volo con snack “ , a cui potrete assistere allo stesso costo di una serata al cinema .Se poi vorreste diventare falconieri, sappiate che esiste anche un corso multimediale per cimentarsi http://www.falconeria.org Comunque buon divertimento e non dimenticate la macchina fotografica .

1 commento:

Scrivi un commento o suggerisci un aggiornamento su questo articolo.Per messaggi diretti all'autore usa il guestbook a sinistra nella homepage del blog.